Manio Marrone - Sport & Eventi

LIFESTYLE
14/07/2013

In forma in quattro passi

 

L'attività fisica intensa fa bene all'organismo. Questa affermazione, che sembra una verità incontestabile, per me non lo è. Pensate veramente che per non accumulare della semplice ciccia o che per toglierla una volta accumulata, occorra fare la dieta di un padre del deserto oppure lavorare come un avversario di Rocky Balboa? Chi pensa di poter fare sport in questo modo, deve fare molta attenzione. L'attività fisica intensa ha bisogno di conoscenze ed esperienza. Fatta senza controllo può creare più problemi di quanti non ne possa risolvere, perché per un fisico non abituato, gli esercizi svolti in modo scorretto possono causare problemi alla schiena, infiammazioni alle articolazioni, problemi al cuore, ecc.

Ecco dunque alcune indicazioni accessibili a tutti su come si può riuscire a stare in forma non facendo necessariamente sforzi muscolari intensi, ma, semplicemente, scegliendo un approccio diverso.

Respirazione e alimentazione praticate in modo corretto, giusto esercizio fisico, riposo meditato sono le quattro parti di cui è fatta questa cura di sé.

La respirazione diaframmatica, dà molti benefici: aiuta a rilassarsi, fornisce ai polmoni tutto l'ossigeno di cui hanno bisogno, irrobustisce la muscolatura addominale. Possiamo considerarla, dunque, come la respirazione fisiologica. Pertanto, se impariamo a sbloccare il diaframma, possiamo ottenere, con un piccolo grande gesto, un gradevole rilassamento e benefici sia per il corpo che per la mente.

Per vivere servono calorie: sia che mangiamo o no, siamo svegli o dormiamo, ne siamo consapevoli o inconsapevoli, noi consumiamo sempre energia. Questa energia viene misurata in calorie. L'attività fisica, soprattutto quella molto intensa, richiede un quantitativo di calorie notevole, che in qualche maniera deve essere reintegrato. Inoltre lo sforzo muscolare, se l'organismo non è abituato a gestirlo, provoca stress sia a livello di giunture che a livello osseo, a causa della notevole richiesta di calcio, che va reintegrato al più presto. Questo vuol dire che, senza un rapido reintegro dei minerali, gli inconvenienti di un'attività fisica intensa possono risultare maggiori rispetto al vantaggio di aver bruciato un po' di grassi in eccesso.

Meglio dunque ridurre l'apporto calorico (il quantitativo di cibo) in partenza, piuttosto che cercare di eliminarlo successivamente. Pertanto i primi esercizi da fare per mettersi in forma senza sudare, dobbiamo svolgerli in casa, comodamente seduti a tavola. A prescindere dalla qualità dei cibi che ingeriamo, bastano poche regole sul come affrontare il pasto, per ottenere risultati stupefacenti in breve tempo:

1. Prendersi un momento prima di iniziare il pasto.

2. Masticare tanto, con calma, a piccoli morsi, assaporando tutto.

3. Fermarsi in tempo.

4. Suddividere i pasti, non arrivare a pranzo o cena con fame eccessiva.

Mantenere l'equilibrio è una attività motoria fondamentale per l'autonomia dell'individuo. Pertanto il primo obiettivo da raggiungere attraverso l'esercizio fisico è quello di ottenere una corretta postura del corpo. Per postura, infatti, si intendono l'integrazione e la sinergia con cui le varie parti del corpo, inteso nel suo insieme psico-fisico, concorrono all'attuazione di qualsiasi movimento o gesto; quanto maggiore è questa sinergia, tanto più gesti e movimenti saranno fluidi, coordinati, naturali ed "economici". Una "cattiva postura" può permettere di compiere lo stesso gesto o di assumente la stessa posizione spaziale, ma con maggiori tensioni e maggior dispendio energetico. Esercizi per il miglioramento della postura, esercizi di stretching e di leggerissimo condizionamento (non potenziamento) muscolare possono essere appresi attraverso infiniti mezzi (dall'iscrizione in una qualsiasi palestra all'acquisto di libri, cd, e ricerche su internet). Ciò che è incredibilmente importante è la correttezza dei gesti e, soprattutto, l'eseguire esercizi che si è in grado di svolgere, senza andare a cercare freneticamente il superamento dei propri limiti.

I momenti di riposo non sono solo delle rare concessioni, oppure qualcosa di cui in fondo bisognerebbe vergognarsi un po' perché è da deboli e ci rende meno competitivi rispetto al luogo comune della persona attiva e vitale come persona di successo. Attività e riposo hanno lo stesso valore e tra di loro esiste lo stesso legame che c'è tra la musica e il silenzio: l'una senza l'altro non hanno senso.

Ecco semplici regole per addormentarsi facilmente e avere il giusto recupero.

1. Dormire sempre alla stessa ora;

2. Rilassarsi il più possibile prima di andare a letto quindi niente cene abbondanti, alcol o bevande a base di caffeina.

3. Non andare a letto a digiuno ed eventualmente fare uno spuntino molto leggero prima di coricarsi, ma senza esagerare.